Task di Piccole riparazioni domestiche 112: Risoluzione dei problemi

Come avrai capito leggendo questa serie di articoli, il consiglio migliore per il successo nelle task di Piccole riparazioni domestiche (e in ogni altro tipo di task) è la comunicazione con il cliente. Definire correttamente i dettagli della task con il cliente nella Chat è importante tanto quanto le tue competenze.

Tuttavia, se non riesci a individuare le insidie in anticipo, ecco cosa suggeriscono i tasker per risolvere i problemi:

Stime temporali non corrette

Il tasker Joe A.  racconta che una volta è stato assunto da un cliente per costruire un tavolo da montare su una cyclette. Il cliente aveva stimato 2-3 ore di lavoro e, a questo riguardo, non era flessibile. Così Joe ha spiegato che avrebbe dovuto progettare il tavolo, trovare il legno, utilizzare una sega per lavori pesanti e completare altri passaggi essenziali per portare a termine la task. Era in grado di farlo, ma ha avvisato il cliente che il tempo stimato era troppo poco, e che avrebbe pertanto rinunciato alla task. Non è una cosa che Joe fa di abitudine, ovviamente, ma per fornire al cliente un’esperienza ottimale ha deciso di essere onesto sin da subito, dando così un’ottima impressione di sé.

Aspettative errate

Lester R. dice che molti clienti lo assumono per il senso di fiducia che dà, e vogliono che anche il tasker provi lo stesso. Lester aiuta i clienti a trovare soluzioni ragionevoli e, adottando un approccio rivolto verso il servizio clienti, dice: “Farò quello che mi chiedi, ma lascia che ti spieghi perché te lo sconsiglierei”. 

Quando un cliente ha chiesto ad Anthony F. di montare tre scaffali intorno a un portafusibili/caldaia/serbatoio d’acqua, il tasker ha comunicato che non era saggio installarli in quella posizione. Così facendo, ha fornito il miglior servizio possibile senza dover svolgere una task rischiosa. 

Dettagli forniti insufficienti 

Supponiamo che il cliente voglia fare qualcosa che non era stato incluso nei dettagli della task. Il tasker Greg S. dice che è disposto a esaminare un problema di Piccole riparazioni domestiche, ad esempio un tritarifiuti rotto, mentre si sta occupando di una task diversa. Dopo aver fornito una “stima senza impegno”, chiede al cliente di assumerlo sotto la categoria Piccole riparazioni domestiche e ritorna per svolgere la task. Si tratta di un ottimo metodo per fare upselling e fornire al cliente ciò di cui ha bisogno.

Troppo o troppo poco coinvolgimento del cliente

Alcuni clienti si dimostrano molto coinvolti in ciò che il tasker fa in casa loro, che sia per pura curiosità o interesse, o forse per mancanza di fiducia consolidata se si tratta di una delle prime task con quel tasker. Se ritieni che il cliente ti impedisca di completare la task in modo efficiente, puoi dire cortesemente che devi concentrarti e che lo aggiornerai a intervalli regolari, in modo che possa osservare i progressi. Ricorda che lavori nella casa del tuo cliente, un luogo pertanto molto sensibile, quindi sforzati di rispettare le sue esigenze e aiutalo a comprendere le tue.

Qualcosa si rompe

Se qualcosa va storto, non nasconderlo. Se riesci, proponi una soluzione. Una cliente racconta che, nonostante un tasker avesse rotto un rubinetto che doveva riparare, non ha pagato l’importo dell’intera durata della task e, quindi, si è detta soddisfatta. Ricordati di segnalare sempre le situazioni e le decisioni importanti nella Chat. 

Non si riesce a completare la task come preventivato

James C. racconta che informa sempre i clienti dei problemi esistenti, specialmente quando viene assunto per una riparazione che qualcuno ha già tentato di fare. Non finisce mai una task se il cliente non è soddisfatto. Se ha bisogno di uno strumento specifico, James informa il cliente che dovrà tornare. Se la soluzione esula dalla sua area di competenza, consiglia al suo cliente di assumere un tasker specializzato. Agisce da consulente esperto anche se non è in grado di completare la task.

Una volta a Greg S.  è stato chiesto di cambiare la serratura di una porta in un edificio commerciale. Dopo un’attenta valutazione ha capito che il problema non era la serratura, ma che il cliente aveva bisogno di una chiave specifica. Offrire al cliente una soluzione è un ottimo modo per concludere una task, anche se in origine i dettagli erano ben diversi. Sforzandosi di cercare la soluzione giusta, Greg è potuto tornare e finire la task in un secondo momento e ha potuto addirittura consigliare al cliente cosa fare per risolvere autonomamente il problema: un ottimo esempio di task che può essere svolta sia virtualmente che di persona. 

Risolvere i problemi e trovare soluzioni sono due elementi delle proposte di valore dei tasker che si occupano di Piccole riparazioni domestiche. I clienti ti assumono perché sei l’esperto, il che significa che si aspettano che tu possa svolgere la task in modo soddisfacente. Ricordati sempre di spiegare che farai del tuo meglio, anche se le cose non dovessero andare come previsto. 

Leave a Reply